La salute del nostro cane ci sta sicuramente a cuore e uno degli aspetti fondamentali riguarda l’alimentazione del nostro caro amico a quattro zampe.

La dieta alimentare del nostro cane

Non dimentichiamo mai che il cane, anche se ormai abituato a vivere con l’uomo, è sempre un animale carnivoro e quindi la carne è l’elemento primario della sua alimentazione in quanto gli fornisce il giusto fabbisogno si proteine, grassi e vitamine, fondamentale per il mantenimento del tessuto muscolare e per una giusta crescita.

Va bene sia la carne rossa che quella bianca, anche se per alcune razze più delicate sarebbe meglio la carne bianca. Naturalmente queste sono decisioni da prendere assieme al vostro veterinario di fiducia, che in base al cane, all’età e al quadro sanitario, saprà consigliarvi in modo più specifico. Qualsiasi tipo di carne, comunque, andrebbe data ben cotta per evitare possibili infezioni causate da parassiti.

quanto deve mangiare un caneAnche il pesce è una valida alternativa alla carne, anch’esso ben cotto, e pulito dalle lische che potrebbero essere causa di soffocamenti pericolosi, così come facciamo anche anche noi uomini. Sia il pesce che la carne possono essere sostituiti un paio di volte a settimana da altri alimenti proteici, come le uova. In questo caso l’albume dev’essere ben cotto, mentre il tuorlo è possibile darlo anche crudo in quanto contiene ottime quantità di vitamine e grassi. Con la carne, o il pesce, è bene somministrare anche una certa quantità di riso e verdure, che completano la giusta alimentazione.

Quanto mangia un cane

Una delle domande che spesso viene posta è quanto deve mangiare un cane. La risposta non è univoca, ma dipende da vari fattori, soprattutto dall’età del cane: un cucciolo può arrivare tranquillamente a fare quattro o cinque pasti al giorno, per poi scendere a tre e da adulto solitamente a due. Come per l’uomo anche tra i cani ci sono i golosoni, quelli più sedentari e quelli più attivi, ognuno dei quali necessita di quantitativi di cibo giornaliero diverso. Anche qui la figura del veterinario è molto importante, perché ci indicherà quanto il nostro cane dovrebbe mangiare e che tipo di cibo dobbiamo somministrargli. Anche delle patologie momentanee, infatti, richiedono delle diete ben specifiche, grazie alle quali aiutiamo il nostro cane a guarire più velocemente.

Il consiglio che solitamente viene dato è quello di far fare al cane un primo pasto più abbondante e sostanzioso, un po’ come viene consigliato a noi per la prima colazione. Il fine è quello di abbassare lo stimolo della fame durante il giorno, mentre in serata il pasto sarà un po’ più leggero. Anche per i cani esistono gli spuntini, ma questo non significa aumentare la quantità di cibo giornaliera, in quanto la dose totale deve rimanere invariata, solo ripartita con oculatezza.