Uno degli interventi più dolorosi e lunghi che si effettua sui denti è la devitalizzazione, spesso conseguenza di una carie non curata, che causa anche delle spese molto alte che incidono notevolmente sul budget familiare. Parliamo di circa 250 euro di prezzo base, che è possibile risparmiare con maggiori accorgimenti, igiene dentale e pulizia dei denti quotidiana.

La devitalizzazione: un intervento molto costoso

L’intervento di devitalizzazione richiede pazienza, sopportazione del dolore e diverse banconote di euro. Purtroppo, è una particolare prestazione dentistica molto complessa che il dentista esegue per rimediare a infezioni gravi non curate, come la carie, e che comprende anche la ricostruzione stessa del dente danneggiato. Nel corso della devitalizzazione si rimuove la polpa del dente infettato e si riempie la cavità svuotata. L’intervento, che richiede anche qualche ora, è abbastanza complesso e i suoi costi non sono per niente economici. La base di partenza è di almeno 250 euro, ma si possono sfiorare anche cifre molto più alte in base al numero di denti da devitalizzare e in base alla gravità della situazione. Se, ad esempio, il dente oltre ad essere devitalizzato deve anche essere incapsulato la cifra finale può arrivare anche a 350 euro.

Spendere poco o puntare sulla qualità?

La tendenza della maggior parte della popolazione, data la crisi finanziaria e i disagi economici frequenti in tutte le famiglie, è quella di risparmiare in ogni ambito, anche in quello medico. Ma è sempre giusto puntare sul risparmio? Nel caso delle prestazioni specialistiche dentistiche è consigliabile puntare sulla qualità, con la consapevolezza di dover mettere mano al portafoglio. Qualità e risparmio non camminano sempre di pari passo. Ecco le conseguenze di interventi a basso prezzo per la devitalizzazione di un dente:

– Un lavoro di devitalizzazione che punta sul risparmio spesso comporta scarsi accorgimenti e pessima qualità. La conseguenza diretta è di dover aggiungere ai costi ridotti iniziali anche ulteriori cifre per dover rifare l’intervento stesso, spendendo, in termini pratici, il doppio della cifra.

– I disagi per il paziente si raddoppiano. Dal momento che il problema non è stato risolto in modo efficace e definitivo i dolori non cessano di esistere e si ripresentano molto presto con un’intensità amplificata.

Sottoporsi ad interventi di devitalizzazione svolti con cura da professionisti del mestiere e centri specializzati è la soluzione ideale per risparmiare dolori e tempo. La devitalizzazione è un intervento costoso, ma se effettuato nel modo giusto elimina il problema definitivamente.

Prevenire i costi della devitalizzazione

Un intervento per devitalizzare un dente comprende cifre che vanno dai 250 euro fino a 400-500 euro, soprattutto se comprendono anche la ricostruzione del dente. Il modo più semplice di risparmiare non è andare alla ricerca di studi low cost che offrono soluzioni immediate ed economiche, ma la prevenzione. La maggior parte dei dentisti consiglia sempre di curare l’igiene orale sin dalla pulizia quotidiana. Lavarsi bene i denti, utilizzando frequentemente il filo interdentale per rimuovere i residui di cibo e spazzolando nel modo corretto è il primo passo per un risparmio non indifferente. Si evita la formazione di carie e altre infiammazioni che comportano interventi di devitalizzazione costosi e dolorosi.