La paura di essere sorpresi dentro la propria abitazione, magari durante il sonno, magari durante un momento d’intimità in famiglia o in qualsiasi altra occasione, è forse una delle più grandi paure delle famiglie italiane. Ed è questa probabilmente la spiegazione alla crescita di un settore che prima veniva considerato di lusso, mentre ora è alla portata di tutti, quello delle porte blindate.

Nonostante possa sembrare che una porta blindata valga l’altra ciò non è così, ci sono vari fattori che ci aiutano a poter definire una porta migliore rispetto a un’altra. Perciò la scelta della porta non è un qualcosa di scontato, ma va analizzato per bene tutto il quadro della situazione.

Oltre che dal punto di vista della sicurezza bisogna anche tener conto del punto di vista estetico, è bene acquistare una porta che ben si sposi con il resto dell’arredamento e con lo stile della casa (non metteremo un portone in ferro battuto nella nostra cascina in montagna, ovviamente). Passiamo ora a vedere quali sono i fattori che determinano maggiormente la scelta di questo particolare infisso.

Come già detto le caratteristiche che ci aiutano nella scelta della porta blindata sono tante, molte delle quali non direttamente collegabili al problema dei furti o delle intrusioni in casa. Ma analizziamo tutti i fattori uno per uno.

Resistenza all’effrazione: tale fattore si misura secondo la normativa europea ENV1627, che assegna a ogni porta un grado di sicurezza da 2 a 4, considerando il valore 4 come valore di massima sicurezza dalle effrazioni. Si consiglia una porta di classe 2 per abitazioni a basso rischio, la classe 3 per appartamenti o case con rischi maggiori e la classe 4 per chi desidera sentirsi ancora più al sicuro.

La differenza tra queste classi sta nel carico che esse sono capaci di sopportare e agli strumenti a cui resistono nel caso ci fosse un tentativo di effrazione. Isolamento termico e acustico: niente a che fare con la sicurezza, ma avere una casa fredda in inverno non fa sicuramente piacere, per questo è bene scegliere una porta che minimizzi gli scambi di calore con l’esterno, così da mantenere costante la temperatura.

Marcatura CE: entrata in vigore con una legge del 2010 tale marcatura attesta che la porta è stata sottoposta a vari test e può quindi essere considerata sicura. Ora che sapete su quali fattori di scelta è importante basare l’acquisto della porta blindata per la vostra abitazione l’unico problema rimasto è il budget a vostra disposizione.

Nel web è possibile trovare molti prodotti alcuni più costosi e altri meno, ma l’ideale sarebbe organizzarsi con un tecnico che sia disposto a visitare l’abitazione e a prendere le misure precise, oltre al fatto che potrebbe consigliarvi nell’acquisto essendo un esperto del settore.

Purtroppo le porte blindate sono infissi che costano, ma a differenza delle altre porte proteggono voi e la vostra casa da visite indesiderate. Un sito che ci sentiamo di consigliarvi è sicuramente Mancini Sicurezza, da anni nel settore della sicurezza abitativa vanta un’assistenza impeccabile anche nel caso ci siano problemi di bloccaggio della serratura, disponibili 24/24.

Detto questo ora siete al corrente di tutto, fate la vostra scelta, proteggete voi stessi, la vostra famiglia, i vostri beni e la vostra casa da ladri e delinquenti. Acquistare una porta blindata è un investimento a lungo periodo che un giorno potrebbe salvarvi la vita.