Il dibattito sul fatto che i computer Mac abbiano bisogno di antivirus, è tra i più aperti sia tra gli esperti che tra gli utenti, e sui forum da spesso origine ad accese discussioni.

Non sorprende dal momento che Apple pubblicizzava fino a qualche anno fa i suoi prodotti come i Macbook come privi di virus.
Ma la società ha abbandonato l’argomento “siamo immuni dai virus” nel 2012, quando si diffuse moltissimo Wannacry con oltre mezzo milione di computer infettati, questo è stato un riconoscimento da parte dell’azienda che sì, i computer Mac prendono virus e sì, è necessario disporre di uno strumento antivirus.

I Mac sono molto più sicuri dei sistemi Windows e beneficiano di una quota di mercato molto inferiore, rendendoli bersagli meno preziosi per gli hacker.
Questo però non significa che non siano vulnerabili ad alcuni virus e a diverse tipologie di malware ed è un problema in crescita.
Il numero di programmi dannosi creati per prendere di mira i Mac è aumentato del 50% nel primo trimestre del 2020 rispetto al 2019.
Gli hacker stanno iniziando a spostare le loro mire di guadagno su OSX perchè gli utenti spesso ignorano di essere a rischio e non prendono precauzioni.

Il sistema di sicurezza integrato di Apple fa un lavoro ragionevole tenendo a bada il malware, ma dovresti comunque considerare di rafforzare la protezione installando un software antivirus scegliendo le caratteristiche ti servono come scansione, firewall, VPN, protezione mail e phishing e altre.

In questo post, discutiamo del motivo per cui è necessario prendere in considerazione l’utilizzo di un antivirus con un computer Mac e rivelare alcuni dei migliori software antivirus per aiutarti.

Hai davvero bisogno di un antivirus per proteggere un Mac?

In breve possiamo subito rispondere di sì, essendo ormai caduta del tutto la “leggenda” che siano immuni al malware e gli attacchi mirati degli hacker.
Il primo antivirus naturalmente siamo proprio noi e i nostri comportamenti, e sarà necessario seguire le migliori pratiche per proteggere i toui dispositivi e utilizzare le funzionalità di sicurezza integrate come Gatekeeper.La prima domanda da porsi è: “Il malware esiste sulla piattaforma MacOS?”
Abbiamo già visto che la risposta è sì, e soprattutto è in aumento!
Nonostante  la Apple abbia introdotto con le ultime versioni di OS X vari livelli di protezione delle App, l’idelae sarebbe non installare programmi fuori dal market, cioè firmato, perchè altrimenti c’è nulla che possa impedire ai criminali di prendere di mira il software che andremo ignari ad installare.

Detto questo, le cifre suggeriscono che i computer Mac hanno meno probabilità di essere minacciati da malware e virus.
Ma solo perché il rischio è inferiore rispetto a un PC Windows non significa che non ci sia alcun rischio.
Inoltre, il rischio è amplificato se sei un’azienda che gestisce più computer e ha dati di lavoro importanti.

Anche se utilizzi un Mac solo come computer di casa, ci sono alcuni buoni motivi per considerare di migliorare la sicurezza:

  • I Mac stanno diventando sempre più popolari.
    Parte del fascino di attaccare i PC Windows è che l’impatto è enorme, con Windows che detiene circa il 75% della quota di mercato. Ma l’aumento di popolarità del Mac li rende sicuramente un bersaglio più succoso per gli aggressori rispetto agli anni passati.
  • Gli utenti Mac sono obiettivi interessanti.
    Visto i Mac sono molto più costosi da acquistare rispetto ai PC Windows, ne consegue che gli utenti Mac sono in genere più ricchi, e questo significa che sono bersagli interessanti per i criminali, in particolare quelli che cercano di rubare dati personali, comprese le informazioni finanziarie.
  • Windows sta diventando più sicuro.
    I Mac avevano un grande vantaggio sui PC Windows in termini di sicurezza fino a una decina di anni fa, rendendo questi ultimi più facili da attaccare.
    Le ultime versioni del sistema operativo Windows il 10 sono più sicure, colmando il divario e rendendole obiettivi più difficili.

il sistema operativo MacOS è dotato di rilevamento del malware integrato, ma con sempre più minacce, c’è una maggiore probabilità che nuovo malware possa iniettarsi nel tuo computer prima che Apple aggiorni i suoi database.
Queste minacce sono indicate come zero-day e sono un motivo sufficiente per considerare l’installazione di alcuni software di sicurezza, che di solito sono a pagamento soprattutto per le imprese, mentre gli utenti domestici potrebbero valutare soluzioni gratuite.

Tieni presente che anche un antivirus non può proteggerti da tutti i tipi di attacchi.
Ad esempio, se qualcuno ti inganna facendoti aumentare i privilegi di amministratore per installare malware, è già troppo tardi perché un antivirus ti salvi.
L’errore umano non distingue tra sistemi operativi e gli utenti Mac possono cadere preda di truffe con la stessa facilità con cui possono farlo gli utenti di PC.

Il rilevamento virus integrato in Mac OSX

Il software per Mac è basato su Unix, che viene fornito con le proprie funzionalità di sicurezza. Questo è uno dei motivi per cui il Mac è rimasto relativamente sicuro per decenni, ma la Apple è poi dovuta correre ai ripari implementando tutta una serie di misure tra ci:

Gatekeeper: se un software che non è stato approvato digitalmente dal Mac tenta di essere eseguito sul tuo computer, GateKeeper lo bloccherà fino a quando non fornirai l’autorizzazione a continuare.

XProtect: questa funzione rileva il malware noto e ne blocca automaticamente l’installazione. La funzionalità viene costantemente aggiornata con le ultime firme di malware, e  monitora la presenza di nuove infezioni da varie tipologie di virus.
Questi aggiornamenti avvengono separatamente dagli aggiornamenti di sistema, e sono più rapidi, quindi non devi aspettare per essere protetto dal nuovo malware.

Strumento di rimozione del malware: nel caso in cui il malware si insinui in un sistema, la tecnologia macOS può rimediare alle infezioni.
La rimozione del malware noto verrà eseguita con ogni aggiornamento di sistema, che è una pratica corretta da far eseguire in automatico appena disponbile.